mercoledì, ottobre 20, 2004

Le donne di Osaka, non è un luogo comune

Superato con qualche resistenza l'ennesimo abbandono da parte di professori capaci, adesso posso ammettere che la nuova sensei è una buona sostituta.
So che qualcuno sarebbe già pronto a domandare, ma no, niente onomastica da MotoGp. Piuttosto, ha un abbigliamento vagamente beat che invidio scopertamente e la linea della schiena che cade perfettamente diritta, che invidio anch'essa, dato che la mia pare cada bézier.
Ieri doveva fare degli esempi di alternative grammaticali per esprimere il possesso o il mancato possesso di cose o qualità.
Ha detto, sé tapina: "Non ho una macchina. Non ho soldi. Non ho una bella camera. (in Italia) Non ho una famiglia... Però ho una macchina fotografica!"
Dopo aver considerato qualche istante l'esempio molto nipponico che aveva portato si è messa a ridere dietro il palmo della mano.

Posso ammettere che la nuova sensei decisamente mi piace.


posted by frammento at 15:37  0 commenti